Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del GAN di La Spezia:

4 novembre di lutto, per tutte le vittime, contro tutte le guerre

Avremmo voluto partecipare anche noi alle cerimonie per il 4 Novembre, assieme alle istituzioni, alle associazioni e alle persone impegnate per la pace e la nonviolenza.

A cerimonie semplici e silenziose, di cordoglio sincero, di profonda austerità e di rigoroso impegno al rispetto e alla promozione della dignità umana di tutti gli esseri umani. Di solidarietà dell’umanità intera contro la violenza e la morte. Di opposizione alla guerra e ai suoi apparati.

Un 4 novembre nel ricordo di tutte le vittime delle guerre, monito ed impegno contro le guerre presenti e future, contro tutte le violenze e contro tutti gli strumenti di morte.

Un 4 novembre non più strumentalizzato dal Ministro della Difesa e dai Comandi Militari che con la loro esaltazione delle armi, che secondo il Dettato Costituzionale dovrebbero essere solo difensive, tornano a glorificare la guerra e celebrare la morte, ma giornata di lutto e di memoria e di solenne impegno affinché mai più degli esseri umani perdano la vita a causa di guerre, affinché mai più si facciano guerre.

“Ogni vittima ha il volto di Abele” (Heinrich Boell).

Assistiamo invece ad una settimana di celebrazioni ipocrite e immorali, dove gli amministratori locali invitano i Cittadini e le scuole della provincia ad unirsi ai militari scandalosamente in festa innanzi alle tombe delle vittime loro.

E’ proprio questa adesione degli Enti Locali (Provincia e Comune della Spezia) che più ci indigna.

Invece di supportare seriamente percorsi di educazione alla Pace, la cui finalità è esattamente la ricerca e la sperimentazione di mezzi nonviolenti di risoluzione delle controversie, preferiscono rimanere all’interno d’un orizzonte politico e culturale che investe sulle armi e gli eserciti e dunque sulla guerra come mezzo e come strumento.

Chiediamo al Sindaco Federici che fine ha fatto il progetto “La mia scuola per la Pace&quo: 4 novembre riguardo t; costruito assieme alle Associazioni della provincia, come mai non è stato ancora firmato dall’Assessore competente e inviato alle scuole affinchè possano aderirvi?

Da questo momento il GRUPPO DI AZIONE NONVIOLENTA della Spezia si autosospende dal coordinamento delle Associazioni che ha sede presso i locali comunali in via Fiume e interrompe ogni possibile collaborazione con le Amministrazioni Comunale e Provinciale, in attesa di vedere da parte di esse, gesti e scelte politiche concretamente indirizzate a costruire una cultura della Pace, sottraendosi alla sudditanza dai poteri economico-militari tanto forti nella nostra provincia.

Invitiamo i cittadini a disertare le iniziative probelliche in programma nella nostra città e a partecipare giovedì 13 Novembre prossimo, alle ore 18, in Piazza Mentana, ad un’ora di silenzio come momento di riflessione sul nesso: guerra, povertà, migrazioni.

Un’ azione nonviolenta che vuol essere anche riparazione verso i morti di tutte le guerre, a nostro avviso offesi dall’oscena settimana di festeggiamenti anzichè di lutto.

Annunci
Categorie:Giovani comunisti
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: