Home > Giovani comunisti > Rifiuti: proposte dal basso.. a sinistra!

Rifiuti: proposte dal basso.. a sinistra!

Rifiuti: proposte dal basso.. a sinistra!

Rifondazione sui Rifiuti risponde ad Orlando: “Ha ragione, il confronto con i cittadini parte giovedì 29 gennaio alle 21 a Melara“.
Sicurezza e verifiche? Parliamo del caso Veolia a Pietrasanta, del fatto che li si inceneriva Cdr, del fatto che li sarebbero stati manomessi i sistemi di controllo delle emissioni. Bandire l’incenerimento e puntare su diminuzione dei rifiuti, riciclo, recupero e riuso, ecco le necessarie verifiche che occorrono, a garanzia e tutela della salute dei cittadini, senza insulti, senza lapidazioni, ma soltanto con una dialettica ferma e consapevole.

Nel risponde all’ennesimo riferimento dell’on.Orlando riguardo al fatto che il Cdr potrebbe essere un elemento “salvifico” per Acam, sottolineiamo come da tempo abbiamo smascherato questa bufala con semplice aritmetica, computando in non più di 2,5 milioni di euro il ricavato dall’eventuale vendita del Cdr, cifra che crollerebbe a poco più di 1 milione di euro con l’adempimento gli obblighi normativi. Insomma bazzecole per l’azienda.

Sul ciclo dei rifiuti l’on.Orlando stecca in due aspetti: non si sofferma mai su un elemento di analisi riguardante gli investimenti errati da parte di Acam, sulle attrezzature inutili per incrementare la raccolta differenziata (mezzi monoperatore, ecc.), come sulla scellerata scelta di liquidare la ditta che avrebbe garantito lo smaltimento dei rifiuti uscenti da Saliceti facendo subentrare Veolia (ancora lei… un caso?), aumentando così i costi di gestione ed ignora un elemento di sintesi riferito al nostro no al Cdr, che è per l’appunto una scelta politica supportata da approfondimenti tecnici. Nel terzo millennio la tecnica può far quasi tutto, ma non far sparire i rifiuti e, scomodando la citazione colta, sovviene ricordare che «sottile è il Signore, ma non malizioso…».

Su un fatto siamo totalmente d’accordo con Orlando: ripartiamo dal confronto con i cittadini. E’ per questo che Giovedì 29 gennaio 2009, dalle ore 21.00 presso il Parco Area verde in via dei Pini a Melara, il Partito della Rifondazione comunista organizza un’assemblea sul tema dei rifiuti, presentando la propria proposta riguardo alla gestione ciclo, per scongiurare qualsiasi ipotesi di incenerimento nella nostra provincia: diciamo no al Cdr in ENEL con la strategia “Rifiuti Zero“.

Partiamo dal territorio, dai cittadini che da tempo convivono con la realtà della centrale termoelettrica ENEL di Vallegrande, ribadendo la nostra contrarietà all’ipotesi di incenerire i rifiuti nella sue caldaie e proponendo un’alternativa concreta, adattando le innovative teorie del prof. Paul Connett alla nostra realtà. Un confronto con i cittadini che rappresenti il primo passo per un percorso di vera partecipazione, di civiltà, di sensatezza e di buon senso che già in molte città italiane è realtà vantaggiose per l’ambiente e per i bilanci delle amministrazioni, in cui si vuol fondere elaborazione, informazione e proposte politiche.

Interverranno: Massimo Lombardi (Consigliere comunale alla Spezia – PRC/SE), Giulia Micheloni (Assessore provinciale all’Ambiente – PRC/SE) e William Domenichini (Resp. prov.le Ambiente e politiche del Territorio PRC)

http://www.rifondazionecomunistalaspezia.it

Annunci
Categorie:Giovani comunisti
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: