Home > Giovani comunisti > “Giustizia nei tribunali e giustizia sociale: da Genova all’Aquila contro il g8, come otto anni fa. Tra 10 giorni in piazza Alimonda per ricordare Carlo Giuliani”

“Giustizia nei tribunali e giustizia sociale: da Genova all’Aquila contro il g8, come otto anni fa. Tra 10 giorni in piazza Alimonda per ricordare Carlo Giuliani”

Comunicato Stampa

“Giustizia nei tribunali e giustizia sociale: da Genova all’Aquila contro il g8, come otto anni fa. Tra 10 giorni in piazza Alimonda per ricordare Carlo Giuliani”

Il tribunale di Ferrara, giudice Francesco Maria Caruso, ha condannato a tre anni e sei mesi i quattro poliziotti accusati di eccesso colposo nell’omicidio di Federico Aldrovandi, il ragazzo di 18 anni morto il 25 settembre 2005 a seguito di un brutale pestaggio da parte degli agenti ferraresi Forlani, Pollastri, Pontani e Segatto.

Finalmente un po’ di giustizia per Federico, per i suoi familiari e per i suoi amici: ci stringiamo al dolore della famiglia nella speranza che le pene non vengano poi cancellate o attenuate, come sempre accade in questi casi, in appello.

Come Giovani Comunisti/e La Spezia, siamo vicini anche alle ragazze ed ai ragazzi dell’Onda che hanno partecipato a maggio alla manifestazione contro il G8 University Summer di Torino e che sono stati arrestati e perquisiti nelle ultime ore, casualmente poco prima della manifestazione anti-G8 dell’Aquila. Si tratta di una giustizia a orologeria inqualificabile, come lo ha definita il segretario nazionale di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero.

Le limitazioni del diritto a manifestare attuate in varie occasioni dal governo ed un clima di intimidazione in occasione delle manifestazioni, segnalano in modo pieno la classica strategia governativa: cercare di trasformare il confronto politico e sociale in un problema di ordine pubblico e in questo modo di circoscrivere e ridurre al minimo le espressioni del dissenso, come accadde esattamente otto anni fa nei drammatici giorni di Genova.

Riteniamo infatti che solo la costruzione di un largo movimento di massa, non violento nei modi quanto radicale nei contenuti, possa sconfiggere il tentativo reazionario del governo e aprire la strada ad una uscita da sinistra e democratica dalla crisi attuale, le cui fondamenta già erano intraviste e criticate dal movimento no-global del 2001, che le aveva ampiamente previste.

La reazione del governo Berlusconi di allora produsse quello che tutti oggi sappiamo: “la più grave sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale”, come l’ha definita Amnesty International.

I Giovani Comunisti/e spezzini si uniscono oggi al coro di richiesta per l’immediato rilascio degli attivisti arrestati e denunciano la volontà del Ministro degli Interni di voler alzare “la tensione” alla vigilia del vertice del G8 e della manifestazione prevista per venerdì 10 luglio.

Anche noi saremo all’Aquila venerdì cosi come eravamo a Genova otto anni esatti fa.

Non vogliamo che si ripeta più un’altra mattanza simile, nella quale Carlo Giuliani, un ragazzo poco più che ventenne, venne ucciso barbaramente. A questo proposito ricordiamo che lunedì 20 luglio ricadrà l’ottavo anniversario dell’uccisione di Carlo: i Giovani Comunisti/ della Spezia saranno a Genova in piazza Alimonda al fianco di Haidi e Giuliano Giuliani per commemorare la sua morte. Per non dimenticare, mai.

Giovani Comunisti/e La Spezia
per info: giovanicomunistilaspezia@gmail.com

Annunci
Categorie:Giovani comunisti
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: