Home > Elezioni Regionali > Apre il Blog a sostegno della candidatura di Massimo Lombardi a consigliere regionale

Apre il Blog a sostegno della candidatura di Massimo Lombardi a consigliere regionale

Ieri ha aperto i battenti il Blog di Massimo Lombardi, candidato al consiglio regionale della Regione Liguria della Federazione della Sinistra  http://massimolombardi.wordpress.com/
Mi raccomando sosteniamo in massa il nostro candidato.

Copio e incollo il post di Massimo a proposito del suo nuovo blog:

Cara/o elettrice/ore,
scrivo queste poche righe per darvi il benvenuto nel mio blog e per spiegare le ragioni che mi hanno spinto ad accettare la candidatura alle prossime elezioni amministrative valide per il Consiglio Regionale della Liguria, nelle file della Federazione della Sinistra. La fase storico-politica in cui viviamo è caratterizzata dalla dilagante crisi economico-politica, del riflusso, dopo l’implosione dell’arrogante offensiva della modernizzazione globale che ha travolto anche i comportamenti sociali, i modi di pensare, la vita quotidiana.
Eppure, anche se nella nostra realtà c’è chi intende stabilizzare la “modernizzazione” ritagliando per sè ricchezza e potere, c’è anche chi non è più disposto ad accettare l’arroganza e l’egemonia dei presunti vincitori dell’oggi. Io sono tra questi, così come lo sono altri centinaia di spezzini, fra cui gli “invisibili”, i “senza voce”, non omologati al pensiero dominante, messi in un angolo, delusi da una politica svuotata del suo vero significato e troppo spesso resa mero simulacro per arrivisti e “poltronari” da quattro soldi.
Penso – forse da acrobata incosciente ed entusiasta – che sia possibile camminare sul filo rosso della svolta; credo che sia possibile realizzare, con spostamenti e convergenze, un’alternativa politica credibile. Il mio vuole essere un impegno forte finalizzato a gettare le basi per trasformare la nostra città e la nostra provincia, lavorando contro la crisi, invertendo la rotta, ponendo un freno alla smodata deriva generale, cercando di mutare quel ruolo di sudditanza a Genova che da troppo tempo ci penalizza.
Occorre ritrovare quell’”
orgoglio spezzino” che la nostra cultura, la nostra tradizione, la nostra storia merita.
Queste mie parole non sono supportate dal campanilismo fine a se stesso e dalla sterile lamentela, ma sono il frutto di una critica cosciente della logica regionale sino ad oggi perpetrata che ha fatto sì che Genova, con le sue scelte strutturali e di trasformazione, abbia salvaguardato il livello tecnologico e le caratteristiche dello sviluppo, assicurando il proprio prospero futuro, ma, ahimè, troppo spesso chiudendo gli occhi in direzione della nostra Provincia, che è lasciata allo sbaraglio nel già di per sé confuso magma della crisi italiana e globale.
Ora l’isolamento imposto alla nostra città non è più accettabile; il Governo regionale che si formerà, tanto più se sarà di Centro-Sinistra, dovrà avere un chiaro progetto che “tiri fuori” dalla crisi la nostra amata città della Spezia. E lo dico con forza: ciò che – nell’auspicata ipotesi in cui possa rappresentare in Regione la voce degli Spezzini – sarà mio impegno chiedere non sono sussidi o belle parole, ma un intervento concreto e risolutivo, costruito ripartendo dalla base, dal territorio, coinvolgendo anche chi, nel corso di questa lenta, ma inarrestabile deriva, ha perso ogni stimolo e speranza.
Credo, infatti, che il cambiamento sia possibile ed auspico che gli Spezzini sfiduciati e quelli che non partecipano più alla vita pubblica, ritornino a mobilitarsi, a produrre iniziative, lotte sociali, a presenziare nei luoghi di lavoro, nei quartieri, nei paesi….laddove c’è un diritto da difendere, una voce da ascoltare, non dando più deleghe in bianco a nessuno, ma attivandosi in prima persona. In questo modo, ogni mia scelta o proposta sarà il frutto di esigenze collettivamente condivise.
Per dare una nuova identità alla Sinistra nella nostra città e nella nostra Provincia, sul terreno dei diritti, della giustizia sociale, del lavoro, dell’ambiente, della sanità, della riconquista di quei valori che l’ideologia unitaria del profitto e dell’omologazione ha cercato di annientare.
Non vi nego che, oltre a questa “razionalità” politica, un altro elemento ha contribuito, forse in maniera determinante, a farmi compiere la scelta di candidarmi per il Consiglio Regionale…sono il figlio di ALDO LOMBARDI, già segretario del Partito della Rifondazione Comunista alla Spezia, che nel marzo del 2005 era il candidato di Rifondazione Comunista alla Regione Liguria, quando la morte lo ha strappato da quel percorso di lotta che era la stella che guidava il suo vivere.
Non ho la sua esperienza, né la sua capacità politica, non ho compiuto quel percorso di lotte sociali e impegno civile che lo rendeva unico, ma sento che la gente per cui lui ha combattuto, per cui ha dato la vita, ha bisogno ancora di un Lombardi che lotti al loro fianco.
Io voglio provarci e con il Vostro aiuto…. sono certo che ce la faremo!
Massimo Lombardi
Candidato per il Consiglio regionale in Liguria
Federazione della Sinistra
Annunci
Categorie:Elezioni Regionali
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: